Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
1 di 11
Trieste (Friuli-venezia Giulia) - 23 Novembre 2017

Trieste: L’Uciim, con Eraldo Affinati, ricorda Don Milani

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-

di cariati1

Don Milani, l'uomo del futuro "Lo sapete, eminenza, che differenza c'è tra me e lei? Io sono avanti di cinquant'anni.". Sono state queste le ultime frasi dette da don Lorenzo Milani al cardinale Florit venuto a trovarlo in ospedale, poco prima che il priore morisse. Adesso che i cinquanta anni sono passati, don Milani morì nella sua Barbiana, dove è sepolto, il 26 giugno 1967, adesso, cinquanta anni dopo, possiamo constatare che aveva ragione: nella Chiesa di oggi ritroviamo quelle stesse criticità e debolezze che don Lorenzo in Esperienze pastorali aveva denunciato con spietata disamina; l'obiezione di coscienza che aveva così convintamente difeso quando ancora era considerata una "vigliaccheria" è ormai diventata una rispettatissima scelta, anzi: il servizio militare non c'è nemmeno più; la scuola che la Lettera ad una professoressa aveva tanto duramente criticato per il suo vizio di fondo di non capire che "non c'è nulla che sia ingiusto quanto far le parti eguali fra disuguali", anche la scuola ha dovuto più e più volte ripensarsi per adattarsi ad una realtà giovanile sempre più diversificata. Don Lorenzo Milani, una figura difficile da cogliere nella sua interezza, se non altro perché non solo sacerdote, ma anche pittore, scrittore, educatore, figura profetica. Di don Milani, così come presentato nel testo "L'uomo del futuro", si è parlato giovedì scorso 23 novembre, in una vivace tavola rotonda al Centro Culturale Veritas. Primo relatore l'autore stesso, Eraldo Affinati, affiancato dal direttore del Centro padre Luciano Larivera s.j., il parroco padre Stefano Fossi s.j., e la presidente Uciim-Trieste Marina Del Fabbro. L'esperienza concreta di Barbiana si è chiusa con don Milani, ha detto Affinati, ma il suo metodo, la sua attenzione per chi, mancando di parole, non riesce neppure raccontarsi, la sua presa in carico degli ultimi, il suo I care.. quelli sono ancora presenti e l'autore stesso li ha ritrovati incarnati nei tanti veri maestri che ha incontrato, ad esempio, a Città del Messico, dove don Ramiro si prende cura dei ninos de rua; o in Sharif, l'imam marocchino cieco, vero "condensato di umanità vitale"; o ancora in quella suora, "ragazza stupenda" che a Benares imbocca "un anziano paralitico disteso nel tappetino"; ma anche nel bambino cinese che lo accompagna in metropolitana indicandogli la via con fare paterno, o il soldato Ivan che "diventerà antimilitarista e affronterà la cella" dopo aver visto le mutilazioni, gli strazi, le teste mozzate, i civili uccisi nella guerra di Cecenia. Esperienze concrete di chi si è lasciato coinvolgere e, da vero educatore, ama le persone che gli sono affidate, sperimenta con loro, assieme a loro si ferisce ma riesce a cogliere il fuoco che le anima, le valorizza, le rende consapevoli del loro valore. Maestri che sanno intessere relazioni vere, accompagnare per poi sparire, essere rigidi ma non rigorosi e, come don Lorenzo, guardare più al progresso che al traguardo. E poi ci sono gli sguardi, le parole "amate" e cioè usate nel loro significato profondo, l'intensità del rapporto 1:1 che un insegnante autentico deve saper mantenere sempre con tutti i suoi studenti anche quando fisicamente si trovano in gruppo. C'è l'esperienza della Città dei Ragazzi e della scuola Penny Wirton che, nata a Roma ad opera di Affinati stesso e della moglie Anna Luce Lenzi ed operante adesso anche in altre città, riesce a insegnare la lingua e con essa anche a dare possibilità di successo umano e scolastico a tanti giovani stranieri immigrati in Italia, giovani che spesso hanno alle spalle vissuti drammatici, come Bashir, ragazzo egiziano che, presente in sala, ha accennato alla sua vicenda personale. Giunto a Roma per sfuggire ad una storia di violenze, ha appreso l'italiano ed ora frequenta il collegio del Mondo Unito qui a Trieste. Ed infine un'esortazione, la stessa sussurrata da don Milani poco prima di morire e che, che sia una combinazione?, richiama tanto le esortazioni dell'attuale papa Francesco: "Fate baccano" (Marina Del Fabbro)