Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
1 di 2
Cortina D'ampezzo (Belluno, Veneto) - 21 Aprile 2017

Relazione peritale dell'incidente che ha determinato la chiusura dell'aeroporto di Cortina

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-

di pierinoinflight

L'aeroporto di Cortina è chiuso, e di fatto abbandonato, dal 31 maggio 1976. Data incidente: 31 maggio 1976 Luogo evento Aeroporto "S. Anna" Fiames - Cortina d'Ampezzo (BL) - LIDI Dati aeromobile Matricola: I-CCAM Costruttore: Cessna Modello: U-206 Nominativo: Stationair Numero di costruzione: U206-02128 Anno di costruzione: 1973Motore: Continental IO 520F Dati incidente Ente di appartenenza: Alialpi Srl; acquistato il 07/05/1976 da: Valpadana Costruzioni Spa Tipo incidente: incidente grave Fase di volo: in decollo Effetto dell'incidente: perdita totale Effetto sul territorio: nessuna conseguenza Esito: nessun superstite Personale deceduto: pilota C. L. - Renato Ghedina - Silvana De Zanna - Rizieri Bortot - Gianluigi Demenego - Marco Costantini Dati pilota Maschio, in possesso di brevetto di 2° grado in corso di validità, brevetto di fonia, abilitato sul Cessna u 206 F il 17/05/1976; ore di volo totali 230 delle quali 3 su Cessna U 206 F. Questa data richiama solo tristi ricordi fra i cortinesi. Sei di loro, tra i quali alcuni amministratori comunali, perirono in un grave incidente avvenuto in fase di decollo dalla pista di Fiames. In seguito a questo incidente l'aeroporto fu chiuso e considerato pericoloso data la sua posizione nella stretta valle del Boite, contornata da alte montagne e quindi esposta a venti di caduta. Il Comune di Cortina d'Ampezzo, proprietario dell'impianto, dovette chiudere le attività di volo probabilmente in ottemperanza a quanto disposto dall'Autorità Giudiziaria e, nella persona del Sindaco, si trovò ad affrontare un lungo iter giudiziario (omicidio colposo plurimo, disastro aviatorio) "per aver consentitolo svolgimento di attività di trasporto pubblico aereo in condizioni di pericolo", condizioni di pericolo riferibili all'aeroporto stesso. Alla fine del lungo iter giudiziario la Cassazione (1984), rigettando il ricorso, conferma la sentenza della Corte di Appello di Venezia (05-11-1982) che assolve il Sindaco, imputando l'incidente unicamente all'imperizia del pilota nella sua doppia veste di Amministratore unico della società di gestione dell'aeroporto e di pilota del velivolo. Nel carteggio che ha accompagnato l'iter giudiziario è presente una importante Relazione Peritale, ordinata dal Tribunale di Belluno, che chiarisce molti aspetti dell'incidente e risulta molto utile nella comprensione delle caratteristiche della pista cortinese e della presunta pericolosità. Un'attenta lettura della relazione chiarisce che il grave incidente è stato determinato dalle proibitive condizioni ambientali di quel giorno (forti raffiche di vento di direzione variabile in relazione alla lunghezza pista) a causa delle quali, semplicemente, nessun aereo sarebbe dovuto decollare. Il pilota, probabilmente influenzato dal dover ottenere il rinnovo della gestione dell'impianto di Fiames, volle comunque portare in volo alcuni componenti dell'Amministrazione Comunale (proprietaria dell'impianto). L'inesperienza delle poche ore di volo accumulate per lo più in pianura (230 ore totali, 3 sul tipo U206), lo portarono a tentare un decollo a pieno carico con un aeromobile dalla potenza piuttosto limitata e in condizioni meteo assolutamente non idonee al volo. L'aereo staccò molto lungo, toccò nuovamente la pista, staccò nuovamente, virò in balia delle raffiche di vento fino allo stallo. Queste le conclusioni dell'Autorità Giudiziaria. Errore umano dunque. Sicuramente la pista di Cortina non è "facile" come una pista di pianura, chi decide di utilizzarla deve conoscere bene le caratteristiche del volo in montagna e l'area ove l'impianto è ubicato. Rimane comunque un vero peccato che per le cause descritte si sia determinata la chiusura di questa struttura di estrema importanza per una località come Cortina d'Ampezzo, da sempre meta di un turismo di elite e che aveva già perso il collegamento ferroviario altrettanto importante. Fonte: www.fiorenzadebernardi.it/