Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
1 di 3
Padova (Veneto) - 6 Dicembre 2017

Mostra "Il bottone racconta"

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-

di PadovaCultura

Padova, Sala della Gran Guardia-P.zza dei Signori Dal 15 dicembre 2017 al 18 febbraio 2018 Inaugurazione: 14 dicembre 2017, ore 17.30 Il bottone storico-narrativo è il protagonista della mostra che sarà allestita nella Sala della Gran Guardia, in piazza dei Signori (Padova), dal 15 dicembre 2017 al 18 febbraio 2018. La mostra è un viaggio nel costume e nella piccola bellezza con un fedele testimone del suo tempo: nei bottoni infatti si sono sempre rispecchiati le mode e i costumi, eventi di portata storica e piccoli fatti, personaggi di grande levatura o di effimera notorietà. Hanno seguito i vari stili dell’arte: classicismo, barocco, eclettico, liberty, déco, pop, futurista, surrealista … e applicato le modalità artigianali e industriali legate ai luoghi e al tempo della loro produzione. Lo stesso si può dire per i materiali che da naturali come l’osso, la conchiglia, i metalli, la terracotta si sono fatti artificiali, dalla celluloide, la prima plastica scoperta alla fine del 1800 alle attuali resine. La mostra presenta anche una ricerca su un grande bottone già famoso, ma dimenticato completamente da più di un secolo: quello che il Papa Clemente VII si fece fare da Benvenuto Cellini, per il suo piviale con un diamante leggendario. Il gioiello fu smantellato da Napoleone e se ne perse presto la memoria. Il Museo storico del bottone ha scoperto l’intera storia e un’immagine settecentesca presso il British Museum di Londra e ora le propone ai visitatori dell'esposizione e ai lettori del libro con lo stesso titolo che l’accompagna. L’ideatrice e curatrice della mostra, Leda Siliprandi Partesotti, Direttrice del Museo storico del bottone “Sandro Partesotti”, che ha sede a Vigorovea di Sant’Angelo di Piove di Sacco, ha scelto dalla sua collezione di 8000 pezzi gli esemplari che rappresentano i più salienti caratteri del costume e del gusto estetico nel succedersi di tappe che hanno segnato l’evolversi della nostra civiltà: Medioevo, Rinascimento, epoca Barocca, Romanticismo, correnti culturali del XIX° e XX° secolo. La rassegna si ferma attorno al 1950, quando l’industrializzazione del prodotto ha chiuso quasi del tutto lo spazio all’intervento artigianale. L’iniziativa è promossa e organizzata dall’Assessorato alla Cultura / Settore Cultura Turismo Musei e Biblioteche del Comune di Padova con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo. Informazioni Ingresso libero Orario: 10-13 / 14-19, chiuso i lunedì non festivi, 25 e 26 dicembre, 1 gennaio. Settore Cultura Turismo Musei e Biblioteche donolatol@comune.padova.it Tel. 049 8204529