Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
1 di 4
Roma (Lazio) - 15 Aprile 2018

Mercoledì apre i battenti la Galerie Maison Naim

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-

di GossipGirl

Nel cuore di Roma, in via Mario de’ Fiori 5 a pochi passi da piazza di Spagna, in un contesto piuttosto originale ed insolito, l’imprenditore Massimo Naim, ha deciso di dar vita ad una nuova iniziativa molto ambiziosa, realizzare una galleria d’arte dallo stile ed il sapore internazionale proprio sottostante una delle sue boutique hotel di lusso, Spagna Royal Suite, facente parte del gruppo Le Rêve de Naim . Insolito in una città come Roma che di arte è intrisa in ogni dove, trovare un collegamento tra arte contemporanea, piatti gourmet d’autore ispirati alla tradizione fusion ed hotel di lusso. Ed è proprio questo l’obbiettivo che Massimo Naim ha realizzato egregiamente permettendo ad pubblico proveniente da tutto il mondo di apprezzare l’arte contemporanea italiana e non, poter gustare veri e propri capolavori d’arte culinaria, sapientemente pensati e realizzati per trasformare il cibo in cultura, bellezza, eccellenza dal brand Chez Moi, attraverso un menù, risultato di una ricercata selezione di sapori che seguono un’approccio innovativo ed internazionale, specchio delle più raffinate contaminazioni, e poter vivere un’esperienza unica nel cuore della città eterna. I primi artisti scelti a cura di Miliza Rodic, sono due artisti italiani Camilla Ancilotto e Andrea Pacanowski, Iconic puzzle il titolo del vernissage. Due artisti italiani, due figurazioni che indagano il soggetto umano nelle sue molteplici identità, nelle sue trasformazioni d’apparenza e sostanza, nel suo immergersi dentro i codici del tempo attuale. Camilla Ancilotto e Andrea Pacanowski condividono lo spazio della Galerie Maison Naim, rivelando due immaginari che, seppur distanti per linguaggio e risultati, si ritrovano vicini nella coscienza del frammento, della stratificazione, della densità estetica. Due visioni complesse che nascondono e svelano, coinvolgendo lo spettatore nel gioco ottico della rivelazione lenta, come una morbida messa a fuoco che cattura il cuore nascosto delle cose. La Galerie Maison Naim, che sarà inaugurata mercoledi 18 aprile a partire dalle 18.00, punta in alto, come ogni progetto realizzato fin’ora dal suo creatore, diventare una galleria affermata in ambito internazionale, promuovendo non solo l’arte visiva ma anche la fusione trasversale di più artisti, promettendo sorprese per il prossimo futuro. Attesi, per l’inaugurazione, volti noti, artisti appunto già affermati a sostegno della pregiata iniziativa che di sicuro, ci si aspetta sorprenda, per l’originalità e l’accurata ricerca di raffinati particolari, tutti da scoprire.