Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
1 di 3
Santo Stefano Al Mare (Imperia) - 16 Maggio 2017

Massimo Paracchini Vince Al Xv Gran Premio Citta’ Di Savona

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-

di maxpara

MASSIMO PARACCHINI si aggiudica il terzo posto al XV GRAN PREMIO CITTA’ DI SAVONA intitolato “L’OMBRA E LA LUCE” Massimo Paracchini si aggiudica il terzo posto al XV Gran Premio Città di Savona intitolato “L'ombra e la Luce” e vince l’esposizione collettiva alla Torre Saracena di Santo Stefano al Mare con il patrocinio del Comune e della Provincia di Imperia dal 26 maggio al 9 giugno Il concorso è stato organizzato dal Dott. Aldo Pero, Presidente del Movimento “Arte del XXI secolo”. Il Direttore artistico è Licinia Visconti. Il XV Gran Premio Città di Savona è stato stilato dai membri della Giuria composta dai seguenti Professori: Valeria Mendrigo Gomez, ex-docente dell’Università di Madrid Guanella Soroyan Hazan, ex-docente dell’Università di Berkeley Erika von Olbrenstein, ex-docente della Freie Universität di Berlino Justus van der Veghe, ex-docente dell’Università di Lovanio Peter Jamestown, ex-docente dell’Università di Cambridge Terzo classificato – Massimo Paracchini La Giuria ha giustificato il Terzo premio attribuito a Massimo Paracchini con l’apprezzamento reso all’espressionismo magico e denso di stimoli e di simboli che gli consente di trasferire in diverse atmosfere e con infinite valenze il puro dato fornito dal reale. Questa caletta illustrata da un cromatismo estremo sembra sovrastata da incombenti destini che trasferiscono le barche all’approdo e le abitazioni rivierasche in un luogo d’alto mistero donde si può salpare per il più meraviglioso dei viaggi. Titolo dell’opera vincitrice: Free Sprinkling Overflowing e Sparkling in Kromotrance a Varigotti nelle geometrie iperellittiche e iperdimensionali dell’Universo Olio su tavola 80 x 60 Commento: In un’opera non si tratta soltanto di raffigurare una realtà in cui c’è una zona di luce e una d’ombra, ma una pura visione in cui sono compresi il giorno e la notte, cosicché attraverso il kronometamorfismo alchemico e orfico il tempo si trasforma e diventa assoluto, quasi eterno, ovvero qualsiasi rappresentazione viene trasfigurata da una dimensione atemporale attraverso una progressiva Kronotrance perché trascesa dai movimenti iperellittici e iperdimensionali della mente e dell’Universo in una prospettiva cosmica ascendente. Lasciar danzare liberamente ogni colore sulla tela bianca, trasmutare ogni immagine appartenente ad un mondo mitico arcadico- euclideo, ormai superato, in pura visione contemporanea attraversata dalle geometrie vorticose iperellittiche e iperdimensionali dell’Universo, per mezzo di una progressiva Kromotrance trascendentale che proietta all’improvviso ogni artista in una dimensione totalmente estatica grazie a quella libera e magica aspersione kromoalchemica che tutto trasforma e tutto trasfigura e che può arrivare anche, attraverso uno spontaneo e deciso Free Sprinkling Overflowing e Sparkling, alla fase finale della transatomizzazione assoluta di qualsiasi oggetto rappresentato, permettendoci così di cogliere l’essenza più vera e più profonda di ogni cosa. Da “Eidetica Trascendentale dell’arte” di Massimo Paracchini