Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
1 di 5
Motta San Giovanni (Reggio Calabria) - 12 Settembre 2017

Lazzaro-Ss 106, si fa di tutto per creare nuovi pericoli

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-

di vincenzo

Ss 106 Lazzaro, si aprono nuovi accessi e noi continueremo a registrare morti e a fare fiaccolate in ricordo delle vittime Nel mentre il progetto per la realizzazione del Megalotto 5 del 23 luglio 2007, giace negli archivi della proponente ANAS, noi cittadini segnaliamo giornalmente, fatti, cose e incidenti. Quello che oggi registriamo è l’inizio di un cantiere con accesso sulla strada a scorrimento veloce Ss 106 km. 16 IV in destra direzione di marcia Reggio/Taranto in località Lazzaro, con posizionamento di New Jersey che caratterizzano e ufficializzano l’apertura di una accesso con demolizione di muri di sostegno. Il tutto in un tratto di strada provo di illuminazione dove si sono verificati incidenti anche mortali e l’ANAS e la Polizia stradale hanno predisposto l’installazione di sistemi di rilevazione della velocità. Sembrerebbe che l’accesso serve ad un costruendo supermercato, ovviamente si tratterà di grande aree da edificare e quindi con immissione di autoveicoli e camion per rifornire materiali per capannoni….….e successivamente automezzi per rifornire queste aree commerciali. La costruenda opera si affaccia anche sulla vecchia Ss 106, via nazionale. Non si hanno dati precisi in quanto si è omessa la collocazione del cartello di cantiere con i dati sui lavori da eseguire e le autorizzazioni, se i lavori in corso sono stati oggetto di risorse pubbliche, come previsto dalle norme di legge nello specifico settore. E’ vero che nell’approvazione del progetto riguardante la costruzione del Megalotto 5 Reggio/Melito è stato stabilito che questa arteria dovrà avere la funzione di strada urbana, vedi l’installazione di rotatorie e quanto specificato al punto 23 del parere della Commissione VIA del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare sul progetto preliminare Megalatto 5- Lavori costruzione – stradale Reggio Melito di Porto Salvo, però da qui a diventare strada urbana ce ne passerà. Invero la strada, di fatto mantiene caratteristiche costruttive e di circolazione tali da poter essere classificata strada a scorrimento veloce. Il discorso è uno, o si bloccano le attività di sviluppo urbano “che non sta a noi dire se va bene o no” oppure significa che il Governo ha finanziato il progetto di cui sopra e che la proponente ANAS sta per iniziare i lavori di un’altra rotatoria. Gli spazi ci sono? Noi ce lo auguriamo. Una cosa è certa, l’ANAS è al corrente. E’ tutto a norma? le autorizzazioni comunali sono state rilasciate, si potevano rilasciare. Si o no. Il tratto di strada è interessato da una doppia striscia continua di mezzeria con inizio delle corsie di accumulo e non si comprende tra l’altro da dove accedono i veicoli provenienti da Sud, se lo stato dell’arte non cambia, da quello che oggi riscontriamo è legittimo ritenere che si verificherà pressappòco quello che pericolosamente accade poco più avanti al chilometro 18 I ove gli accessi diretti invogliano i conducenti a trasgredire le norme che riguardano l’attraversamento della doppia striscia continua e le inversioni di marcia per cui si accavallano e si incrociano le correnti di traffico e le direzioni di marcia, e tutto ciò avviene di frequente a velocità sostenuta. In conclusione chiediamo le verifiche immediate, con riferimento anche alla liceità delle autorizzazioni rilasciate. Tutto ciò finalizzato alla tutela della circolazione stradale e a salvaguardia dell’incolumità pubblica. Vincenzo CREA Referente unico dell’ANCADIC e Responsabile del Comitato spontaneo “Torrente Oliveto”