Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
1 di 4
Belluno (Veneto) - 20 Aprile 2017

Il disastro aereo del Fadalto 50 anni dopo, raccontato da un video di Giovanni Carraro

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-

di pierinoinflight

Cinquant’anni fa, l’11 marzo 1967, un Twin Otter 100, bimotore della compagnia Aeralpi, in volo fra Milano e Cortina, si schiantò sui ripidi pendii del Colét de Concanin sul Fadalto. Rimasero uccisi i due membri dell’equipaggio e due dei tre passeggeri a bordo. Unico superstite fu Gastone Bettanini, attore che girò film anche con Alberto Sordi. Non è stata l’unica sciagura aerea avvenuta sul Fadalto: altre ce ne furono in tempo di guerra. Per non disperdere la memoria di questi tragici eventi il reporter Giovanni Carraro ha realizzato un video che mette insieme testimonianze orali e fotografiche del tempo. Il documentario, dal titolo “Il disastro aereo del Fadalto”, sarà proiettato sabato 29 aprile, alle ore 20.30, presso il parco Laghi Blu Basso Fadalto di Vittorio Veneto. Seguirà un dibattito con testimoni oculari, storici ed esperti moderati dal giornalista Andrea Cecchella. L’iniziativa è promossa dalle Pro Loco di Nove-San Floriano e del Fadalto, con il supporto organizzativo di Val Lapisina Iniziative. “Ho pensato fosse doveroso a cinquant’anni dalla tragedia – spiega Giovanni Carraro – raccontare in un documentario questo triste capitolo della storia dell’aviazione italiana. Un modo per rendere omaggio alle vittime, di quel disastro ma anche di altri incidenti avvenuti durante le guerre. Da ricordare che oltre a Bettanini, unico superstite, nel velivolo come passeggero c’era un pilota bellunese, Aldo Tait, famoso per essere stato l’aiutante di volo del duca Amedeo di Savoia e più tardi, il 4 ottobre 1965, per aver condotto Papa Paolo VI a New York a bordo di un Dc-8 dell’Alitalia. Per lui purtroppo la sciagura fu fatale”. Fonte: www.oggitreviso.it/