Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
1 di 36
Crotone (Calabria) - 7 Aprile 2018

Crotone: I Soci dell’A.N.I.O.C. insigniti a Cavalieri e Dame

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-

di cariati1

Solenne pontificale in onore di San Giorgio Martire, patrono della milizia costantiniana e cerimonia di investitura per i neo cavalieri del Sacro Ordine Costantiniano di San Giorgio. Tra i gli ammessi all’investitura anche tre neo cavalieri e due dame dell’ANIOC di Crotone. Il sacro rito, celebrato nella Basilica Magistrale di Santa Croce al Flaminio in Roma, è stato presieduto dal Cardinale Dominique Mamberti, Prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica Cardinale Diacono titolare di santo Spirito in Sassia, assistito dal Cardinale Dario Castrillòn Hoyos, Cardinale Presbitero titolare del Santissimo nome di Maria al Foro Traiano e Presidente emerito della Pontificia Commissione “Ecclesia Dei”, gran priore del S.M.OC. di S. Giorgio. L’evento si è tenuto all’augusta presenza del Gran Maestro S.A.R. il Principe don Pedro di Borbone-Due Sicilie e Orleans, Duca di Calabria, Conte di Caserta. Nella Basilica, in tantissimi, hanno assistito alla processione di ingresso dei cerimonieri, dei cavalieri, della reale commissione e dei sacerdoti. Dopo la S. Messa, celebrata completamente in latino, è iniziato il suggestivo cerimoniale, con il quale sono stati nominati numerosi cavalieri e dame provenienti da tutte le parti d’Italia. Tra i neo designati sono stati elevati a cavaliere e dama di merito, il dott. Amedeo Gigante, il dott. Antonio Garrubba, l’avv. Nicola Facente, la dott.ssa Michelina De Franco e la sig.ra Nadia Montirossi, tutti dell’ANIOC di Crotone. Il loro ingresso è stato voluto e proposto, infatti, dal presidente provinciale e vice presidente regionale dell’ANIOC, Cav. Uff. Giuseppe Crea che ne ha seguito le fasi e la preparazione. Il celebrante e i vari delegati, durante la cerimonia, hanno sostenuto che essere cavaliere non significa avere semplicemente un titolo, significa soprattutto essere al servizio della gente, aiutare il prossimo secondo i dettami del vangelo, usando sempre un atteggiamento degno del titolo di cui si è insigniti. Il compito dell’Ordine è quello, ha affermato il Principe don Pedro di Borbone delle due Sicilie e Orléans, di glorificare la croce, la propaganda della fede e la difesa della Santa Romana Chiesa. Dopo la consegna degli diplomi i neo cavalieri hanno salutato i confratelli, le autorità ecclesiastiche, S.A.R. il Principe Don Pedro di Borbone.